U.P.M. e Risparmio Virtuoso hanno stretto un accordo con il Circuito Marchex per offrire ai propri partner non solo nello scambio di merci ma anche nei pagamenti una valuta locale alternativa all’euro il Mex che permetta di far fronte alle sfide della globalizzazione finanziaria con uno strumento in più che ancora l’azienda alla propria realtà locale.

Il Circuito nasce nel Gennaio del 2014 per replicare un modello di economia virtuoso che si è
sviluppato in Sardegna dal 2009 con il nome Sardex.net. Gli obiettivi che si pone sono molteplici:

  1. aumentare la clientela e quindi il fatturato delle aziende appartenenti alla rete
  2. fornire alle imprese uno strumento finanziario che permetta loro di ottenere credito a costo zero
  3. sostenere lo sviluppo dell’economia locale e valorizzare la qualità dei prodotti e servizi del territorio

Il Circuito Marchex.net associa aziende marchigiane appartenenti a tutti i settori merceologici, con lo scopo di metterle in relazione tra di loro fornendo anche uno strumento di pagamento innovativo basato sullo scambio.
Le aziende aderenti al circuito Marchex registrano in media un aumento di fatturato del 10% grazie ai nostri servizi di promozione quali newsletter, annunci sul portale Marchex, annunci nei nostri canali social ed eventi di networking. In sostanza un’azienda che partecipa alla rete ha la possibilità di acquistare ciò di cui ha bisogno pagandolo (in tutto o in parte) con la vendita di suoi beni o servizi ad altri iscritti al Circuito, con la possibilità persino di ottenere uno scoperto di conto. In questo modo può liberare preziosa liquidità, ridurre i costi finanziari e soprattutto azzerare il rischio insoluti e i tempi di incasso.

Attualmente le aziende iscritte in Marchex sono circa 1000 distribuite tra i vari settori (agroalimentare, automotive, edilizia, arredamento, abbigliamento, medicina e benessere, servizi alle aziende, etc.) ed hanno transato complessivamente più di 20.000.000,00 €.

Come spendere i crediti Marchex incassati?

Oggi nel circuito si possono affrontare spese aziendali come:

  • Manutenzione fabbricati ed impianti (imprese edili, pittori, elettricisti, idraulici, etc.)
  • Abbigliamento professionale
  • Pubblicità e materiale promozionale (radio, tv, camion vela, cartellonistica, stampe, etc.)
  • Ristorazione
  • Manutenzione mezzi
  • Spedizioni
  • Consulenza alle aziende (commercialisti, avvocati, marketing, sicurezza, ambientale, hccp)
  • Regalistica aziendale

Vi è la possibilità inoltre di attivare carte personali a soci, dipendenti e collaboratori aziendali nelle quali girare una parte del loro compenso in crediti (in questo caso i privati possono usufruire di ristoranti, officine, negozi di qualsiasi genere tipo abbigliamento, calzature, farmacie, centri medici, centri benessere, sport, cinema, etc.).
Infine i crediti incassati potrebbero essere utilizzati per finanziare il piano welfare aziendale, il quale prevede di attribuire a dipendenti e amministratori un bonus sul compenso quasi totalmente sgravato da contributi e tasse.
Attualmente in Italia ci sono altri 12 circuiti regionali gemelli al Circuito Marchex e stanno iniziando a collaborare tra di loro; in futuro sarà possibile acquisire una fetta di mercato anche nelle altre regioni. Questa collaborazione è già realtà nel settore turistico-alberghiero.