Il commento di Andrea Garbini.

La notizia è della scorsa settimana ma dopo le prime attenzioni rivolte dalla cronaca nazionale, ho pensato meritasse un approfondimento da parte di chi fa dell’educazione ambientale la propria mission. Garbini Consulting pur non avendo tra i suoi banchi di scuola dei giovani allievi si impegna da anni nell’educare le aziende verso un cambio di mentalità nei confronti dell’ecologia. Dal riciclo dei rifiuti e in particolare degli imballaggi, alla tutela del mare e del territorio, dalla biodiversità all’alimentazione sostenibile, i temi ambientali affrontati dall’insegnamento dell’educazione ambientale, trovano riscontro nell’attenzione che dedichiamo quotidianamente all’argomento, mediante il nostro strumento operativo Risparmio Virtuoso, che dallo scorso anno è diventato anche un blog.

educazione_ambientale

Un blog, che per dichiarato intento non si rivolge soltanto alle aziende e alla loro necessità di cambiare approccio sulla questione del risparmio virtuoso, ma anche a tutti quelli che desiderano approfondire i temi del rispetto ambientale in grado di generare risparmio e iniziative di solidarietà.

Credo che questa iniziativa testimoni il fatto che esista una questione ambientale nella nostra nazione, legata alla mancanza di una cultura del rispetto e del risparmio. Ogni giorno lavoriamo a fianco di imprenditori spaventati dal cambiamento positivo, convinti che diventare green sia solo una voce di spesa in più per la propria azienda. Si può fare tanto per migliorare questa situazione e iniziare proprio dai ragazzi, che rappresentano il nostro futuro, sono convinto sia la scelta giusta.